Pagine

lunedì 11 maggio 2015

I’m Back!

Allora ragazzi miei…qui abbiamo sto povero blog abbandonato a se stesso porello, per non parlare del canale youtube! non si sa quante volte sono che tento di convincermi a riprendere la pubblicazione in modo serio, ma nada.
 Gli ultimi mesi sono stati davvero pazzeschi! e voglio condividerli con tutti voi!

( perdonate la grafica misera! sto provvedendo )

Andiamo per gradi, partiamo con la news che mi attualmente mi sta impegnando a livello lavorativo, ovvero, la ripresa dei lavori su “ Il Patto Della Volpe “, tra le mille cose che ho vissuto ho dovuto rivedere le priorità e gli impegni ( tra cui sfortunatamente sono rientrati anche  blog e canale youtube ) e così i lavori del mio manga si erano spiaggiati, ma dopo un lungo periodo di studio e di sperimentazione posso finalmente riprendere la mia creatura e portarla ( si spera ) a conclusione.

Non voglio spolverare troppo, ma in questo nuovo capito, che come il primo sarà diviso in due parti, come per il precedente, racconterò come Rose ed Irvine si sono conosciuti, e come lui è diventato umano.



Tutta l’esperienza accumulata in questa lunga pausa l’ho percepita disegnando le matite, per le quali non ci ho messo più di sei giorni, l’inchiostrazione invece la sto facendo completamente  in digitale, usando clip studio paint, è un programma fantastico, la risposta del pennino è davvero ottima e si avvicina quasi perfettamente al risultato ottenuto con l’inchiostrazione manuale, l’unico inconveniente è che non essendo abituato ad inchiostrare tavole intere, sulle prime faccio parecchia fatica ed una vignetta mi porta via il triplo del tempo. 

Ammetto che io grande purista della tecnica analogica, mi sono del tutto innamorato e ormai convertito, al digitale! preciso, le adoro entrambe, ma il digitale ha davvero molti vantaggi, oltre la comodità di poter lavorare ovunque grazie a pc e tavoletta, abbatte i costi del materiale,  e se avete minimamente presente i prezzi di carta giapponese, pennini e retini concorderete con me che non è poco!

Nessun commento: